Come trasformare un vecchio edificio in un immobile green o energeticamente efficiente?
E’ una delle domande più frequenti che si pone chi pensa di avviare la riqualificazione di un edificio. Vediamo dunque di fare chiarezza analizzando quali siano gli aspetti sui quali è fondamentale intervenire e le possibili soluzioni sul mercato.

Nel nostro Paese più del 90% degli immobili è in classe energetica “G”. Ristrutturare una casa o costruire un immobile oggi vuol dire realizzare un edificio energeticamente efficiente e meno inquinante. Affrontare questo passo significa doversi confrontare con aspetti molto diversi fra loro, con un occhio alla normativa e alle possibili agevolazioni fiscali.

Case in legno, case passive, utilizzo di fonti di energia rinnovabile, attenzione all’impiantistica e alla struttura di un edificio permettono di realizzare un immobile efficiente sia che si tratti di una nuova costruzione, sia in caso di ristrutturazione.

La casa in legno, valida alternativa per un edificio 100% green

Partire da un materiale già presente in natura può essere senza dubbio una valida alternativa alle comuni costruzioni per realizzare un immobile efficiente e non inquinante!

Il legno rappresenta uno dei materiali più versatili e flessibili in natura, da qui la crescita negli ultimi anni di abitazioni ad alta efficienza realizzate proprio con il caro e vecchio legno. Molteplici sono infatti le sue applicazioni in ambito edilizio, così come ha raccontato e spiegato lo stesso Arch. Alessandro Villa, uno dei soci fondatori di Heartwood Group, associazione di esperti che promuove la cultura e la buona tecnica costruttiva di edifici in legno, nonchè esperto CQ, Costruire in Qualità. Il nostro relatore ha avuto modo di esporre tecniche e vantaggi della realizzazione di edifici in legno durante la serata di martedì 9 Aprile, in occasione del primo incontro di IMPARARE A RISTRUTTURARE, tenutosi presso la sede Elmec.

IMPARARE A RISTRUTTURARE è un progetto, articolato in sei serate, dedicato alla formazione alla ristrutturazione e costruzione di immobili all’insegna dell’efficienza, con l’obiettivo di informare e guidare tutti coloro che stanno per affrontare questa importante sfida.

La prima serata ha visto dunque un approfondimento sulla costruzione di case in legno a partire da una prima riflessione proprio sulle potenzialità del materiale: le ottime caratteristiche strutturali, le qualità termo-acustiche, la prefabbricazione degli elementi e la precisione nelle fasi di lavorazione in cantiere. Tutti aspetti che, se ben progettati e gestiti, garantiscono all’immobile durabilità e valore nel tempo.

Forse non tutti sanno che il legno è inoltre un ottimo materiale per interventi in zona sismica e rappresenta anche una buona soluzione per strutture che devono garantire resistenza al fuoco grazie al corretto dimensionamento ed eventualmente anche con l’aiuto di materiali di protezione che ne migliorano le performance.

Un aspetto fondamentale da considerare e curare, come sostiene lo stesso Arch. Villa, è la progettazione dei nodi principali quali ad esempio l’attacco a terra, il nodo del serramento, la tenuta all’aria delle pareti, per preservare le stesse dall’umidità di risalita o di condensa interstiziale ed evitare il degrado del materiale.

In conclusione, possiamo riassumere i principali vantaggi in risparmio energetico, sostenibilità ambientale, tempistiche di realizzazione ridotte, confort abitativo oltre al risparmio generale in termini di investimento nel tempo.

La case in legno sembrano dunque rappresentare una valida alternativa alle più tradizionali costruzioni, sia che si tratti di un nuovo immobile sia che si tratti di una ristrutturazione parziale o totale, ampliamento o sopraelevazione, nel rispetto dei più moderni canoni di efficienza energetica.

Esistono comunque singoli interventi che si possono apportare ad una abitazione nel caso in cui non si necessiti di una completa ristrutturazione.

Impiantistica, fonti di energia rinnovabili ed involucro esterno sono ad oggi tra gli aspetti più importanti da valutare e saranno pertanto oggetto delle prossime serate di @impararearistrutturare. Rimani informato sui prossimi appuntamenti e registrati alle serate di tuo interesse. 

Post Precedente Illuminazione intelligente: il futuro di città ed edifici
Post Successivo Decreto crescita: le principali novità per le aziende