La parola chiave è sostenibilità: interior design e rispetto dell’ambiente si fondono insieme delineando i trend del 2019, naturale evoluzione delle novità introdotte nel 2018. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un progressivo ritorno alla natura negli arredi e non solo.

Il successo dei colori della terra è stato confermato anche quest’anno; in seguito alla pubblicazione annuale dell’istituto Pantone che raccoglie i 72 colori suddivisi in 8 temi dedicati al design d’interni.

In/Out

Per in/out nel design d’interni si intende il progetto di aree dove è possibile creare rapporti di vicinanza tra gli spazi.

Il concetto di spazio non è così chiaro e scontato. Spesso assume sfumature che vanno al di là delle definizioni canoniche. Lo spazio è la relazione che si genera tra gli oggetti; esiste in quanto esistono gli oggetti e tra di essi si creano delle relazioni.

Definire le contrapposizioni e le connessioni tra lo spazio interno ed esterno attraverso la fisicità che lo compongono è complesso e molto articolato. Una difficoltà non dovuta alla lettura dello spazio e dei corpi che lo occupano, ma nel distinguere le due entità spaziali: dove inizia una e dove finisce l’altra o se ‘vivono-convivono’ nella stessa quantità adimensionale.

Lo spazio domestico, da spazio privato, è diventato sempre  più  contaminato  dall’esterno prestandosi a diventare il setting di nuove forme di socialità nonché di esperienze e pratiche culturali e di consumo “storicamente” prerogativa degli spazi pubblici.

interior design - in e out

Da dentro

La finestra come elemento d’arredo che ci collega al mondo esterno. È la cornice dell’ambiente circostante, un fotogramma che racchiude forme e colori e li fa vivere tra le mura domestiche ma che al tempo stesso ci isola e ripara nell’intima serenità della nostra casa. Elemento importante nello studio d’interni, è una struttura funzionale che si unisce all’arredo-style. Oltre ad offrire una vasta scelta per chi progetta, le finestre in commercio oggi rispettano al tempo stesso i più esigenti canoni di risparmio energetico e di sicurezza. L’interior design che si vive dentro e fuori.

Da fuori

La finestra come elemento architettonico che dà forma e decoro all’edificio. La casa prende vita dalle sue finestre che ne rispecchiano identità e funzionalità. Caratteristiche tecniche all’avanguardia, dettate da precise normative, si integrano con un’estetica ben definita, a scelta di chi progetta l’intervento. La casa prende così luce in tutto il suo stile e nella personalità di chi la abita. L’architettura che si vive fuori e dentro.

Materiali di design

L’utilizzo del legno naturale mai come ora è stato uno dei materiali più usati per complementi d’arredo, pavimenti e rivestimenti; tutti con note di colore preferibilmente calde. Il legno è un evergreen quando si parla di arredamento e nel 2019 è ritornato protagonista per unire rustico e moderno, anche nel bagno. Esistono infatti finiture in mineral marmo e resina poliestere che riproducono l’effetto legno sia nei mobili del bagno che nel piatto doccia.

legno - interior design

Assieme al legno, il vetro è il grande protagonista delle ultime tendenze in termini di interior design: questa bizzarra coppia di redivivi, dati per spacciati troppo superficialmente da sedicenti esperti del settore, sembra aver riconquistato posizioni fino a issarsi nuovamente sulla sommità della classifica dei materiali in grado di cambiare (ovviamente in positivo) il volto di un’abitazione.

Non a caso, dopo un periodo di prolungata eclissi, in cui la ricerca di linee e soluzioni alternative ha finito per oscurare e marginalizzare l’utilizzo di materiali tradizionali, il vetro si è riappropriato della propria centralità, svelando al tempo stesso una duttilità un tempo sconosciuta.

Oggi il vetro è sia complemento estetico che materiale ad alto tasso di funzionalità, garantendo al tempo stesso un bassissimo livello di deteriorabilità. In altre parole, se ben conservate, le parti in vetro dell’arredamento di una casa sono destinate a durare per sempre.

Una vista panoramica

Le finestre sono, senza dubbio, un elemento fondamentale dell’interior design, soprattutto quando vengono declinate in versioni speciali come le vetrate panoramiche. Chi ha la fortuna di possedere una villa, un attico o anche solo un appartamento sufficientemente ampio, può sfruttare la consistenza del vetro temperato (resistente e perfettamente coibentante) per aprire parti di muro e lasciarsi invadere dal paesaggio circostante. Un vero affare per chi ha la possibilità di godere di panorami unici e non vuole farsela sfuggire;

Pensaci: tutti gli hotel più lussuosi e ristoranti più esclusivi di cui hai visto una foto recentemente avevano quasi sicuramente almeno una vetrata panoramica.

Non c’è da stupirsi: è un elemento di design dal sicuro effetto “wow” che offre una straordinaria luminosità naturale ad ogni ambiente e che regala viste spettacolari. Non è un caso che una delle categorie che ha subito di più il fascino di questa tendenza siano gli hotel a 5 stelle di montagna. Lo stile più classico e tradizionale da chalet ha ormai ceduto il posto a contaminazioni contemporanee, a partire dalle minuscole finestre che hanno lasciato il posto a immense vetrate panoramiche con viste mozzafiato. Una tendenza che sposa anche i dettami minimalistici del design d’interni: niente fronzoli e decorazioni inutili, si va dritti alla sostanza.

interior design - vista panoramica

Vantaggi e funzionalità

Oltre a essere in linea con le tendenze del design contemporaneo, le vetrate panoramiche hanno in realtà numerosi vantaggi pratici nella vita di tutti i giorni.

Se hai una casa indipendente potrebbero essere una soluzione perfetta: sebbene sia un intervento sicuramente non economico, devi sapere però che i primi vantaggi da mettere in conto riguardano proprio il risparmio su riscaldamento e bolletta elettrica. Le pareti in vetro sono eccellenti protezioni contro vento e freddo e, inoltre, donano luminosità naturale durante tutte le ore del giorno, anche durante i mesi invernali.

I vetri più comuni sono spessi circa 10 mm: abbastanza per assicurare un isolamento acustico eccellente e per garantirvi un guadagno notevole in termini di metratura! Si possono trovare anche vetrate prive di profili: creando quindi una continuità visiva e regalandoti una visuale perfetta sul panorama esterno.  Scorrevoli e piegabili, permettono un’apertura media del 97%. Questa flessibilità risulta particolarmente utile quando è il momento di pulire le vetrate: la chiusura “a impacchettamento” permette infatti di pulirle comodamente dall’interno.

interior design - bagno hotel

Un materiale antico nel retail 4.0

Una novità dell’interior design che ci ha tenuto compagnia quest’anno e che continuerà negli anni a venire, è quella dei mattoni a vista; si, perchè il laterizio, si fa spazio, non solo negli interni d’autore, ma anche nei negozi e nelle attività di nuova generazione.

I mattoni a vista in laterizio, conosciuti come uno dei materiali più antichi e indagati nella storia dell’edilizia, da Occidente a Oriente, hanno attraversato da protagonista epoche, stili e tendenze, legando la propria identità a progettisti e architetture memorabili, riuscendo ad esprimere puntualmente istanze culturali molto diverse tra loro.

Oggi più che mai, dimostrano di essere capaci di grandi slanci innovativi, e si fanno largo nell’interior design del retail e furniture design. Una nuova tendenza quindi, che già entra anche in casa sotto forma di mattoncini a vista, mattoncini per interni e mattoni decorativi.

interior design - agenzia di comunicazione

La realtà a cui stiamo andando in contro è proprio quella di riportare a nuova vita “il vecchio”, non solo sotto forma di materiale ma persino di pensiero.

Anche la casa, il negozio, l’ufficio, si ispirano alle calde cromie della terracotta con collezioni design pronte a riscaldare gli ambienti. Il fine è quello di creare in codice estetico, le leggere imperfezioni della materia. Il risultato è quello di conferire un inedito aspetto terroso al design minimalista. A fare tendenza è anche il cobogò brasiliano, un particolare tipo di laterizio forato in grado di favorire sia la ventilazione che l’ombreggiamento, studiato per dare continuità tra esterno e interno.

Le pareti in pietra e mattoni a vista sono anche e soprattutto un’idea green, in grado davvero di fare la differenza e soprattutto di cambiare aspetto ed aspettative di vita domestica. Chi abita in una casa con pareti in pietra o mattoni, non dovrebbe coprirle con l’intonaco, ma valorizzarle. Una parete in pietra o in mattoni, è in grado di conferire all’ambiente un carattere rustico, avvolgente e caldo, anche in un appartamento moderno, e può risultare ancora più esaltante se abbinata ad elementi in legno massello.

In questo articolo abbiamo voluto riassumere i principali temi trattati da Bertolini e Galli architetti nell’ultima serata dedicata all’Interior design di Imparare a ristrutturare. Ma non finisce qui! Nelle prossime settimane metteremo a disposizione in omaggio, l’e-book, con tutti e 6 gli argomenti esposti alle serate di questo 2019.

Presto nuovi aggiornamenti su impararearistrutturare.elmecsolar.com

Post Precedente ARERA: gli adempimenti per impianti fotovoltaici superiori a 100 kWp
Post Successivo Ritmo circadiano e luce bio-adattiva: le ultime frontiere per un edificio di valore e il benessere di chi lo vive