Ipotizzare ad oggi un mondo senza plastica sembra davvero utopia.  L’utilizzo di plastica nel mondo è andato via via ad essere sempre più “consumista”, passando dai 2 milioni di tonnellate prodotte del 1950, a 380 milioni del 2015. Si potrà porre un freno a questo utilizzo spasmodico? Il gruppo Elmec è diventato Plastic Aware, con l’intento di appoggiare le campagne di sensibilizzazione che si stanno sviluppando in diversi Paesi.

Consumo di plastica: cosa comporta

Col termine Plastic Aware si intende letteralmente “uso consapevole della plastica”. Avere questo tipo di consapevolezza, significa essere consci delle conseguenze negative e disastrose che un suo consumo irrazionale può portare all’ambiente:

  • Cambiamento climatico: il ciclo di vita della plastica, in ogni sua fase, contribuisce alle emissioni di gas serra.
  • Presenza di plastica e microplastica nella catena alimentare, perché spesso ingerita da pesci, uccelli, delfini, tartarughe…
  • Danno alla “blue economy”: la presenza di residui di plastica nei mari o nelle spiagge (“marine litter”) grava su attività economiche quali pesca, commercio marittimo e turismo.

Plastic Tax: la nuova tassa sulla plastica dal 2021

Nella trattativa sul Recovery Fund, l’Unione Europea ha inserito una serie di tasse tra cui quella sugli imballaggi in plastica non riciclata.

La Plastic Tax è una vera e propria imposizione fiscale con il doppio fine di reperire le somme necessarie a finanziare la ripresa economica degli Stati membri dopo il coronavirus e diminuire l’impatto ambientale degli imballaggi in plastica non riciclati.

Le nuove generazioni e il tema della sostenibilità

Le generazioni più sensibili ai temi della sostenibilità ambientale sono le più giovani, in particolare i “Millennials” e la cosiddetta “Generazione Z”.  Sono state le prime generazioni ad adottare dei comportamenti, che, sebbene apparentemente possano sembrare semplici e banali, dal lato pratico hanno un alto impatto sull’ambiente. Qualche esempio?

  1. Preferire l’uso di borracce in alluminio al posto delle classiche bottiglie in plastica
  2. Optare per prodotti in plastica riutilizzabile
  3. Eseguire correttamente attività di riciclo
  4. Scegliere prodotti igienizzanti eco-friendly

Sono generazioni che stanno cambiando i loro modo di rapportarsi con al sostenibilità e le loro strategie di acquisto sono molto spesso condizionate dal modo di comunicare del brand e da come esso si posiziona nei confronti di questo tema.

Plastic Aware: cosa facciamo in Elmec?

Dal 2019  in Elmec abbiamo avviato, in tutte le nostre  sedi, un progetto finalizzato alla riduzione della plastica adottando la regola delle tre “R”: ridurre, riciclare, riutilizzare.

Sulla base di queste tre azioni, abbiamo provveduto a:

  • utilizzare bicchieri biodegradabili e  palette in legno nei distributori di bevande calde;
  • istallare un dispositivo per lo smaltimento dei  bicchieri biodegradabili come rifiuti organici;
  • facilitare la raccolta differenziata con dei contenitori colorati nelle sale caffè;
  • disporre di una macchina erogatrice d’acqua, per riempire bottiglie e borracce.

Vogliamo creare una cultura condivisa, diventando un punto di riferimento a livello di best practice per i nostri clienti, i nostri collaboratori, la comunità e il territorio. Di questa iniziativa e di molto altro, ne parliamo nel nostro rapporto di sostenibilità. Per scaricalo,clicca qui.

Post Precedente Comunità energetiche: agevolazioni e percorso per realizzarle
Post Successivo Il bello di una casa no gas