Il 16 luglio scorso il Senato ha votato la fiducia al Governo sulla legge di conversione del Superbonus. Il Decereto Rilancio è dunque legge, ma deve essere però ancora pubblicato in Gazzetta. A partire dall’entrata in vigore della legge, scatta il termine di 30 giorni per l’approvazione dei provvedimenti e dei decreti attuativi.

Quali sono le norme attuative in arrivo?

  • Le regole sullo sconto in fattura e la cessione del credito;
  • Il decreto sui tetti di spesa e i massimali di costo degli interventi, su cui i professionisti dovranno basarsi per il rilascio delle asseverazioni;
  • Le modalità di trasmissione delle asseverazioni all’Enea.

Superbonus 110%: il credito d’imposta

Si tratta del provvedimento più atteso, perché permetterà di affrontare le spese quasi a costo zero, risolvendo il problema della liquidità.

Superbonus 110%: i massimali di spesa

Secondo la legge approvata, sia per ottenere il Superbonus sia per lo sconto in fattura o cessione del credito, è necessario acquisire l’asseverazione che attesti il rispetto dei requisiti e la congruità in relazione a parametri che dovranno essere determinati dai decreti attuativi del Mise.

Superbonus 110%: trasmissione delle asseverazioni all’ENEA

Il Mise deve approvare un decreto che contiene le modalità operative con cui trasmettere all’ENEA le asseverazioni nel rispetto dei requisisti e della congruità delle spese sostenute.

Dunque il Superbonus 110% è legge, ma abbiamo bisogno di una serie di chiarimenti per darti tutte le risposte certe ed evitare fraintendimenti e malcontenti. Le detrazioni saranno in vigore fino al 31 dicembre 2021 e potrai beneficiarne se i lavori sostenuti permetteranno il salto di due classi energetiche della tua abitazione.

Vuoi saperne di più?

Scrivici a info@elmecsolar.com.

Post Precedente Fotovoltaico, ricarica elettrica e accumulo: quando accedono al superbonus 110%
Post Successivo Revamping fotovoltaico: quando e perchè